Skip to content
Auf dem Weg zum industriellen Bauunternehmen setzt die Gebr. Schütt KG auf die Unterstützung von SCHULER Consulting.

I "professionisti delle cose storte" si trasformano in un'impresa edile industriale

>

20.06.2023   |   Landscheide-Flethsee   |   Germany

La storia di Gebr. Schütt KG, lo specialista di costruzioni speciali, è una storia di crescita: fondata più di 130 anni fa come falegnameria, negli anni '60 la famiglia Schütt avviò una produzione di legno lamellare, continuando, nei decessi successivi, a trasformare l'attività in un'azienda edile attiva in tutta la nazione con un proprio ufficio di architetti e ingegneri. Oggi, l'azienda compie un passo avanti nella produzione industriale, appoggiandosi ai suoi dipendenti e al supporto di SCHULER Consulting. Tillmann Schütt, amministratore delegato della quinta generazione e Michael Postulart, consulente presso SCHULER Consulting, parlano di piccoli successi, di grandi cambiamenti e del ruolo importante svolto dai dipendenti in questo percorso.
L'intervista è stata condotta dal Dott. Stefan Bockel (Product Management, WEINMANN) al WEINMANN Treff 2022.  

Signor Schütt, la Sua azienda, da grande falegnameria, si sta attualmente trasformando in un'impresa edile industriale. Qual è stata l'occasione che l'ha portata a coinvolgere la consulenza aziendale SCHULER Consulting in questo percorso? 

Tillmann Schütt (TS): Nella nostra azienda abbiamo un'affiliazione pluriennale: molti dipendenti ci sono da più di 25-30 anni, delle volte è il padre ad avere già collaborato con noi. Sono amministratore delegato della quinta generazione. Oggi vogliamo passare alla produzione industriale e lottare con le abitudini, con le cose che "abbiamo sempre fatto così". I nostri progetti stanno per aumentare. Abbiamo bisogno di una produzione snella per far fronte a questa crescita. Perciò mi sono reso conto che i nostri mezzi ci stanno facendo avanzare troppo lentamente. Era da tempo che pensavo di cercare supporto esterno. Nel 2021, il mio responsabile di produzione è stato al WEINMANN Treff, ha incontrato SCHULER Consulting ed è ritornato con gli occhi che brillavano. Questo è stato per me l'impulso ad affrontare la questione ora. 

Signor Postulart, il Suo progetto con la ditta Schütt mira a rendere i processi di produzione "più snelli", aumentando così la produttività operativa. Come è entrato nel progetto?  

Michael Postulart (MP): Durante il nostro primo incontro, si parlava del fatto che il nuovo impianto in produzione non raggiungesse il rendimento desiderato. Da Schütt c'è un impianto a 4 tavoli con un ponte WALLTEQ e un isolamento a insufflaggio semiautomatico, ed è stata questa l'occasione per una visita in loco, attraverso la quale il progetto Lean è entrato in gioco. Siamo passati con un piccolo team di SCHULER per scoprire il motivo per cui la macchina aveva un tempo di fermo troppo lungo. In primo luogo, ci è stata offerta una panoramica della produzione di legno lamellare e della costruzione di intelaiature in legno. In seguito, abbiamo effettuato un'analisi della produzione delle costruzioni di intelaiature in legno e abbiamo condotto studi multi moment. Abbiamo analizzato i percorsi di lavoro dei dipendenti in produzione utilizzando i diagrammi a spaghetti e abbiamo scoperto che compivano molti percorsi "inutili" al giorno, ad esempio per prendere gli utensili, e per questo motivo non si trovava vicino alla macchina. Ridurre i tempi di spostamento dei dipendenti è stato il primo punto di partenza per ottenere miglioramenti a breve termine nella produttività. Il Signor Schütt è rimasto soddisfatto dal nostro lavoro, al punto che poi abbiamo elaborato un catalogo di misure di miglioramento per tutta la produzione che stiamo gradualmente portando a termine.  

Signor Schütt, occorre quindi cambiare ancora qualcosa nei processi di produzione. Come reagiscono i Suoi dipendenti? In che modo coinvolge il Suo team in questi cambiamenti? 

TS: I miei dipendenti sono incredibilmente diligenti. Stiamo ottenendo molto, ma non possiamo tirare troppo la corda. Da un certo punto in poi, è necessario avviare un processo di cambiamento, anche per non chiedere troppo ai propri dipendenti. Ciò che non si dovrebbe fare è andare in produzione con qualcuno dall'esterno senza informare i dipendenti. È necessario renderli partecipi e dar loro le giuste informazioni su chi arriverà e cosa succederà; in caso contrario, diventano profondamente sospettosi e temono che, ad esempio, il loro posto di lavoro possa essere eliminato in seguito a un processo di razionalizzazione o simili. Con il Signor Postulart e il nostro team, questo passaggio avviene senza problemi: lui parla la lingua dei dipendenti, li coinvolge e li motiva a partecipare al processo di cambiamento. È così che si ingrana. Per noi è importante assimilare le idee e poi realizzarle. Questo è ciò che accade da noi nell'intero processo di lavoro. Non si tratta di tecnologia spaziale, ma spesso sono cose che non vengono messe in pratica. Con il sostegno esterno ci si impegna ad affrontare le cose e a concedersi una finestra temporale. 

Signor Postulart, come intende affrontare concretamente il coinvolgimento dei dipendenti nel progetto?

MP: Dal lavoro manuale all'industria, questo è un cambiamento di mentalità. E per questo è necessario accettare e comprendere come può apparire una produzione snella. Come dice il Signor Schütt, è estremamente importante che i dipendenti vengano coinvolti e che si celebrino piccoli successi con loro. In sostanza, stiamo parlando della semplice domanda: "Che cosa possiamo fare per semplificarvi il corso della giornata?". Ho tenuto un workshop sul tema, trasferendo immediatamente il risultato nella pratica. Il risultato è una stazione mobile di intestatura, con la quale è possibile lavorare in modo più flessibile in produzione.  Per me è importante che tutti vedano: posso ottenere qualcosa se mi impegno. Abbiamo quindi iniziato con una piccola idea e l'abbiamo realizzata. Questo è stato un piccolo ma importante successo che abbiamo ottenuto insieme. 

Quali sono i "piccoli successi" che avete già ottenuto lungo il percorso verso la produzione industriale? Quale sarà il prossimo passo? 

TS: Uno dei primi miglioramenti in produzione è stato un magazzino a montanti. In passato, abbiamo sostenuto le pareti in modo più o meno provvisorio. Adesso abbiamo una postazione centrale per le fasi di lavorazione successive e possiamo completare le facciate e installare le finestre.  
MP: Il magazzino a montanti è una struttura autonoma della ditta Schütt. In questo modo, siamo riusciti a ottimizzare il flusso di materiale prima del carico. Un obiettivo del progetto è ottimizzare il flusso generale di materiali nella produzione nonché l'utilizzo delle superfici di magazzino e della logistica nel suo complesso.  

Qual è il potenziale di ottimizzazione nel settore della logistica? 

TS: Negli ultimi due anni il lavoro è stato influenzato da strozzature nelle forniture. Abbiamo acquistato molto materiale "approfittando" in realtà del nostro migliore capannone come deposito, cosa che adesso vogliamo cambiare. I nostri dipendenti fanno troppa strada per prendere il materiale. Quello della logistica è l'aspetto che vogliamo migliorare a lungo termine, assumendo un dipendente addetto. Già a breve potremo ridurre i lunghi tempi di spostamento fornendo ulteriori utensili. Ciò è più conveniente rispetto ai tempi di spostamento dei dipendenti.
MP: Il dipendente addetto alla logistica si occupa della fornitura del materiale. Così, un dipendente che si trova in prossimità della stazione per la produzione di strutture per pareti a telaio non si mette a scaricare "un attimo" un camion. Oppure un pezzo viene trasportato manualmente alla stazione di intestatura. Si tratta innanzitutto di molti piccoli temi che migliorano il flusso di materiale nonché lo sfruttamento delle superfici di magazzino. Dopodiché ci dedicheremo ai grandi aspetti strategici.  
TS: La collaborazione con SCHULER è ben definita, procediamo a buon ritmo e vogliamo lavorare insieme per molto tempo. Desideriamo ampliare ulteriormente il progetto e continuare gli stessi processi nella sala di incollaggio. È prevista un'ulteriore modifica e poi la logistica del magazzino verrà convertita.  

Signor Schütt, le ottimizzazioni della produzione sono solo una parte dei numerosi cambiamenti che stanno avvenendo nella Sua azienda. Come riesce a mantenere questi temi?  

TS: Grazie al lavoro di associazione e alla partecipazione a forum su costruzioni in legno, sono ben informato su ciò che accade nel settore, cose che i miei dipendenti non sono tenuti a sapere. È molto importante che le proprie idee sullo sviluppo aziendale e sullo sviluppo del mercato vengano trasmesse ai dipendenti. Per questo motivo, due anni fa abbiamo elaborato un'immagine target per l'intera azienda e creato un ufficio di gestione dei progetti (PMO, Project Management Office) che accompagna il processo, il quale riguarda l'intera azienda. Sono presenti diversi gruppi di lavoro in moduli che si riuniscono ogni 14 giorni e ogni 3 mesi facciamo una "full immersion". I risultati del lavoro di questi gruppi vengono condivisi regolarmente con tutti i dipendenti. Nessuno può dire di non sapere cosa sta succedendo. 

Cosa consiglierebbe oggi ai colleghi del settore che vogliono industrializzare anche le loro attività?  

TS: In primo luogo, posso consigliare a chiunque voglia automatizzare la propria produzione di coinvolgere immediatamente SCHULER. Quanto più è chiaro il compito, tanto meglio si può pianificare la produzione con precisione. Se guardo indietro, è chiaro: non avevamo un'immagine chiara del prodotto. Non abbiamo l'abitazione unifamiliare, per cui sapevamo che oggi costruiamo 80 case e adesso vogliamo aumentare a 120, 150. Nel settore industriale siamo in giro con altezze del piano diverse. Si tratta di costruzioni speciali.  Non era quindi chiaro esattamente verso cosa stessimo orientando il nostro impianto WEINMANN. Abbiamo iniziato acquistando l'impianto e poi abbiamo proseguito seguendo il passo della consulenza. Questo può essere realizzato anche in modo diverso. Inoltre, trovo molto positiva la consulenza di SCHULER, l'azienda "EKG", che è adatta a tutti coloro che stanno riflettendo su dove si trovano. Con il servizio di consulenza si sa cosa si paga e si dispone già di un catalogo adatto con le misure. Non posso che raccomandare di mantenere la supervisione esterna, in modo da rimanere in fase di implementazione. 

Videos

Ritorna all'elenco

Prodotti simili