26.08.2020   |   Bad Dürrheim   |   Germania

Digitalizzazione: un passo semplice e razionale verso il futuro

Schreinerei Strom trae vantaggio dal supporto digitale per il taglio di pannelli

Il falegname Fritz Strom produce mobili e finiture interne insieme a un apprendista. Sul posto scopro le usuali macchine standard. Sono curioso di sapere cosa mi attende. La ragione della mia visita in laboratorio è una di quelle che non ci si aspetta necessariamente in un'azienda di questo tipo: la digitalizzazione.

Articolo apparso sul numero 08/2020 della rivista di settore BM. Qui è disponibile l'articolo di BM-Online.

Fritz Strom (59) mi racconta che il laboratorio della falegnameria da lui fondata nel 1991, al suo apice impiegava quattro dipendenti. Oggi lo staff è composto da lui, dalla moglie Jutta e da un apprendista falegname. Il laboratorio è compatto, come ci si può immaginare. E non ci sono sorprese: non sono presenti macchine high-tech lampeggianti, ma macchine standard molto resistenti, alcune delle quali ancora rivestite del verde che ricordo dal mio apprendistato. A ciò si aggiungono un CNC verticale compatto, che Fritz Strom ha acquistato circa cinque anni fa, e una bordatrice. La falegnameria è quindi attrezzata sia per la lavorazione di pannelli sia per la lavorazione del legno massello e dell'impiallacciatura. In un piccolo locale di verniciatura trovano spazio i singoli mobili e le finiture interne. Fritz Strom: "La lavorazione dei pannelli rappresenta circa due terzi della nostra attività. Ma anche il legno massello e l'impiallacciatura continuano a svolgere un ruolo molto importante." E ancora: "Non partecipiamo a gare d'appalto pubbliche. Progettiamo e produciamo quasi esclusivamente per la clientela privata."

"Non sono affatto un patito di PC"

Parliamo poi dell'introduzione della falegnameria al tema della digitalizzazione. Per prima cosa il simpatico falegname mi rivela apertamente: "Non sono affatto un patito di PC. Ma mia moglie Jutta organizza l'ufficio e usa Sketchup per creare presentazioni 3D e progetti molto accattivanti per la nostra clientela." A parte questo software di progettazione 3D ampiamente diffuso, economico ma efficiente, la falegnameria fino a poco tempo fa usava solo programmi standard di Office. Il flusso di lavoro precedente era il seguente: quando veniva commissionato un ordine sulla base della presentazione di Sketchup, Fritz Strom prendeva un blocco e una matita e redigeva la lista dei materiali. Completamente a mano. L'ordine del materiale dei pannelli si basava quindi su una sensazione di pancia. "Era facile ordinare un pannello di troppo", dice Fritz Strom con un sorriso, perché oggi questo non gli succede più. Lo stesso vale per il taglio dei pannelli, che viene effettuato su una squadratrice e una vecchia sezionatrice per pannelli orizzontale: in passato si seguiva l'istinto, oggi si utilizza un sistema.

"Mi ha incuriosito"

Ben sei mesi fa, Fritz Strom è entrato in contatto con Homag ed è venuto a conoscenza di un "progetto" concernente la falegnameria che il leader mondiale della Foresta Nera stava per lanciare: gli assistenti digitali. Il falegname si è talmente incuriosito che è riuscito a essere incluso nel gruppo selezionato di utenti pilota. La sua azienda, infatti, corrisponde con esattezza al gruppo target che Homag intende raggiungere con questi nuovi prodotti: piccole falegnamerie che eventualmente producono anche solo su macchine standard e che dovrebbero comunque beneficiare in modo notevole delle possibilità di digitalizzazione. Completamente collegato con messa a terra, semplice da maneggiare e molto efficace nel risultato. Fritz Strom ha ricevuto proprio l'aiuto digitale che sperava: l'assistente di taglio, chiamato ufficialmente Cutting Production Set.

Plug-and-play: avvio rapido

Prima di poter avviare il sistema, ha installato autonomamente i componenti hardware. Nel concreto ciò significa collegare Homag Cube (scatola di comando intelligente per collegare la stampante per etichette a Internet e alle app) come pezzo centrale del sistema al cavo LAN e alla stampante - finito. Oltre alla stampante, all'interno del kit di avviamento sono inclusi anche due rotoli di etichette. Per il Cube e la stampante, il falegname si è costruito un piccolo ed elegante scaffale. "Tutto ha funzionato in modo molto semplice", commenta Fritz Strom.

Naturalmente l'intelligenza necessaria all'assistente di taglio è fornita solo dal software o dalle app: IntelliDivide Cutting (software di ottimizzazione per il taglio), Production Assist Cutting (assistente per il taglio manuale) e MaterialManager (gestione dei materiali).

Un altro elemento essenziale è un account Tapio. Sembra complicato, ma non lo è. In effetti, la piattaforma, che Homag chiama in modo un po' complicato "ecosistema", è una cabina di pilotaggio piuttosto valida e chiara per tutte le applicazioni utilizzate. Anche in questo caso, Fritz Strom ci è riuscito senza problemi. Qui il non patito di computer ha sempre una panoramica aggiornata e corretta delle sue app, che vengono utilizzate sul PC in ufficio e sul tablet in laboratorio.

Sperimentato direttamente nella pratica

Il falegname ha avviato correttamente e senza ostacoli significativi il setup descritto: è il momento di iniziare. Come avvenuto finora, il nuovo flusso di lavoro si basa sulla progettazione di Sketchup. Al posto del blocco e della matita, adesso Fritz Strom utilizza lo strumento di ottimizzazione di taglio IntelliDivide Cutting. Acquisisce parte dei dati tramite importazione csv da Sketchup, mentre inserisce gli altri nell'ottimizzazione di taglio. Se tutto è stato rilevato, avvia l'ottimizzazione. Gli vengono presentati diversi risultati, per esempio con un focus sul minor spreco possibile, sul tempo di funzionamento della macchina più breve o sulla manipolazione più semplice. Si prendono in considerazione anche i pannelli residui. Un gradito effetto collaterale è che adesso Fritz Strom conosce esattamente la quantità di materiale per pannelli di cui ha bisogno e che deve essere ordinata.

Poi l'applicazione, che funziona online invece che sul proprio PC, si avvia. In pochissimo tempo, lo schema di taglio è pronto e viene trasferito al Production Assist Cutting, il quale supporta il processo di taglio su un tablet in laboratorio. Fritz Strom o il suo apprendista selezionano lo schema di taglio per il primo pannello e possono iniziare, ad esempio sulla squadratrice Martin.

L'app guida l'utilizzatore in modo intelligente attraverso il processo di segatura. Quando un pezzo è pronto, viene confermato tramite touchscreen, la stampante crea l'etichetta e il colore del pezzo nello schema di taglio cambia. Quindi, l'app segnala quale taglio ha senso eseguire successivamente. Pertanto ogni pezzo ha la propria etichetta individuale, che contiene tutte le informazioni e anche un codice a barre per le lavorazioni successive sul BHX e sulla bordatrice.

Un ottimo inizio e un ulteriore potenziale

Fritz Strom è molto soddisfatto: "Oggi il tempo necessario per le operazioni preliminari di produzione è dimezzato e il consumo di materiale è notevolmente diminuito. Entrambi questi fattori comportano già un significativo risparmio di tempo e di costi. Inoltre, non si verificano più errori."

Ma il falegname sa anche che, sebbene si sia trattato di un eccellente "inizio digitale", c'è ancora molto spazio per ulteriori ottimizzazioni. Ad esempio, utilizzando un sistema CAD "reale" a monte o un generatore di corpi, potrebbe alimentare l'ottimizzazione del taglio con un clic, in modo continuo e completo senza ulteriori input manuali. Sarebbe un altro passo avanti. Ho persino l'impressione che Strom, nonostante non sia appassionato di PC, trovi questo approccio piuttosto fantastico. Il bello è che, grazie al Cutting Production Set, è già attrezzato per lo scopo.

 

Cutting Production Set di Homag in sintesi
Ottimizzazione e altro ancora: ecco di cosa è capace l'assistente di taglio

Il Cutting Production Set supporta il falegname durante il taglio su squadratrici, sezionatrici per pannelli orizzontali e verticali di tutti i tipi e tutte le generazioni, dall'ottimizzazione del taglio, passando per il taglio sulla macchina, fino alla stampa di etichette.
Il set comprende:

  • le app IntelliDivide Cutting (software di ottimizzazione per il taglio), Production Assist Cutting (assistente per il taglio manuale) e MaterialManager (gestione centralizzata dei materiali)
  • HOMAG Cube e la stampante per etichette
  • le istruzioni di messa in esercizio

Ecco come funziona: inizialmente l'app IntelliDivide Cutting garantisce schemi di taglio ottimizzati. Dopo il trasferimento al Production Assist Cutting, quest'ultimo è d'ausilio nei lavori all'interno del laboratorio: sul tablet vengono raffigurati i pezzi già segati e l'operatore riceve una proposta per il pezzo successivo da segare. In seguito, l'operatore etichetta ciascun pezzo segato. L'etichetta contiene tutte le informazioni rilevanti, nonché il codice a barre per il CNC e la bordatrice.

Installazione semplice: le fasi di installazione di HOMAG Cube e della stampante mostrano le istruzioni per la messa in funzione. Le app si attivano semplicemente tramite i codici voucher in dotazione. Tutto ciò che serve è un accesso a www.tapio.one. Una volta creato l'account Tapio, l'azienda ha una panoramica di tutte le app che utilizza e può consentire l'accesso alle singole applicazioni a un numero qualsiasi di dipendenti.

Altri assistenti: l'assistente per il taglio è uno dei tre assistenti digitali attualmente disponibili presso Homag. L'assistente bordi (Edgeband Management Set) è di supporto nell'organizzazione dei bordi dei rotoli direttamente sulla bordatrice. Per la selezione dei componenti in laboratorio è possibile impiegare l'assistente di smistamento (Sorting Production Set). Tutti i set sono disponibili nel negozio online: shop.homag.com

Foto: rivista di settore BM / Christian Närdemann

Ritorna all'elenco