10.12.2021   |   Julbach   |   Germania

Qualità e affidabilità

Realizzare arredi di alta qualità nel settore delle concessionarie d'auto, banche, oggetti su base ricorrente - la specialità della Oberhaizinger GmbH di Julbach in Baviera.

"Abbiamo bisogno di un partner forte e affidabile in grado di soddisfare le nostre esigenze e offrire la necessaria affidabilità".

Günther Wiedl

In Germania, solo due aziende sono autorizzate a dotare i centri Porsche di tutto il mondo, ad eccezione degli Stati Uniti e della Cina. Oberhaizinger è uno di questi. Lo sfondo: Porsche distribuisce le proprie vetture a livello internazionale tramite una rete di circa 830 centri, mentre solo in Germania ne esistono 88. Allo stesso tempo vengono gestiti complessivamente 43 centri che, in qualità di partner certificati, si occupano della manutenzione e della riparazione dei classici di Stoccarda. Tutti questi centri vengono arredati in base a linee guida fisse della casa automobilistica. Premesse esatte, secondo le quali Oberhaizinger, ad esempio, lo scorso anno ha ampliato due centri Porsche in Canada. Nel mese di luglio è iniziato il terzo progetto: questa volta ad Halifax, capitale della provincia canadese di Nova Scotia.

Progetti in tutto il mondo

Oberhaizinger opera per un totale di otto case automobilistiche e rivenditori top di gamma, tra cui, oltre a Porsche e Porsche Design, anche Audi, Mercedes, Seat, Škoda, Volvo e VW. Inoltre, l'azienda lavora per tre grandi banche e un noto produttore di prodotti cosmetici. Tutti i progetti riguardano l'implementazione di un design aziendale concreto, che i clienti specificano con precisione. I mobili svolgono un ruolo importante in questo processo. Spesso, però, la pianificazione inizia già con pavimenti, pareti e soffitti che devono essere costruiti. Nella maggior parte dei casi vengono migliorati edifici già esistenti, ma vengono anche realizzati nuove costruzioni. In qualità di fornitore di servizi, Oberhaizinger offre le proprie prestazioni sempre in linea con i clienti. In questo modo vengono realizzati in modo mirato il montaggio degli interni e i relativi mobili. Con le discipline che si trovano in azienda, Oberhaizinger è in grado di svolgere tutte le sue funzioni anche a livello internazionale. "Nel settore degli interni abbiamo gestito più di duemila progetti, 700 dei quali in tutto il mondo", riferisce Klaus Raab, responsabile Corporate Design.

Intessuta in una rete globale

Oberhaizinger è un'azienda a conduzione familiare, gestita oggi dalla quarta generazione di Hans-Martin e Stefan Oberhaizinger. Dalla fine dell'anno scorso la sede principale dell'azienda fondata nel 1905 è Julbach, città della Bassa Baviera a nord-est di Burghausen. In un nuovo edificio, semplice e funzionale, le prestazioni dell'azienda vengono eseguite da tre centri di profitto: Produzione, Corporate Design e Office Solutions. Anche la Oberhaizinger IDP GmbH, gestita congiuntamente da Martin Unterstaller e Stefan Oberhaizinger, si trova qui.  In questa struttura, Oberhaizinger genera un fatturato annuo di oltre 20 milioni di euro impiegando al momento 87 dipendenti. Un fattore importante in questo senso è anche una rete internazionale in cui l'azienda è intessuta. Attraverso questa rete chiusa, gestita da Corporate Identity Service AG, con sede nei pressi di Monaco, Oberhaizinger garantisce l'approccio globale alla vendita. CIS offre ai marchi globali l'accesso a tutti i servizi essenziali per un'immagine unificata a livello internazionale presso il punto vendita. Non solo la pianificazione e la condivisione di know-how per creare opportunità con organizzazioni che condividono le stesse idee, il CIS risolve anche problemi di interfaccia e organizza i fornitori di servizi in loco. Così facendo, i membri possono beneficiare dello scambio strategico all'interno della rete e sfruttare nuove opportunità commerciali.

Fornire qualità in base alle scadenze

La produzione di serie e quella specifica per i rispettivi marchi si trovano a Jubach. Qui si realizzano da un lato mobili standard, dall'altro si adattano alle esigenze specifiche del cliente.
Organizzata sotto forma di produzione a isole, la produzione è su due binari. Mentre la maggior parte dei prodotti viene riprodotta in modo completamente digitale con l'avvio delle operazioni preliminari di produzione, per le richieste a breve termine l'installatore mantiene anche il percorso artigianale "analogico". Con un approccio fondamentalmente specifico al progetto, si produce just in time, talvolta anche a magazzino. "Ad esempio, uno standard Porsche predefinito è un'interazione tra mobili forniti (ad es. sedie, lampade, tappeti e molto altro) e parti specifiche che vengono prodotte da noi", afferma Raab. "La redditività economica di tale approccio è dovuto in gran parte alle piccole serie prodotte a magazzino". In generale, la clientela, in particolare l'industria automobilistica, richiedono una puntualità del 100% a fronte di una qualità costantemente elevata.

Risparmiare sempre di più sulla fase di lavorazione

Prodotti individuali, pezzi singoli e piccole serie vengono realizzati con un concetto che è costituito prevalentemente da macchine HOMAG. Infatti, con lo spostamento nel nuovo stabilimento di produzione, Oberhaizinger aveva investito ampiamente in un magazzino orizzontale, una sezionatrice orizzontale, un impianto di nesting a 5 assi e un centro di lavorazione orizzontale di Schopfloch. Sono state inoltre integrate nella produzione una bordatrice a forma libera e un impianto di verniciatura.

Da una parte, oggi il concetto di macchina è utilizzato per produrre nel flusso classico: il magazzino orizzontale "STORETEQ S-200" alimenta la sezionatrice per pannelli "SAWTEQ B-400" e il centro di lavoro CNC "CENTATEQ N-600", seguito dal centro di lavorazione CNC verticale "DRILLTEQ V-500" e dalla bordatrice "EDGETEQ S-500". Se le lavorazioni corrispondenti sono state completate, i pezzi si spostano nel vano di deposito o al montaggio finale. "Oltre a questo percorso classico, ci stiamo spostando sempre più verso la lavorazione nesting a cinque assi, eliminando così una stazione di lavorazione dalla catena", sottolinea Raab. "Portando il taglio e la lavorazione CNC sul CENTATEQ, otteniamo un pezzo finito in un tempo comparabile che deve solo passare alla bordatura e al montaggio finale." Con la produzione a magazzino, in questo modo si potrebbero ottenere significativi effetti di serie. Per Porsche, ad esempio, su pannelli truciolari rivestiti, che sono molto costosi come produzione speciale. "In questo caso, per quanto riguarda il nesting seriale, possiamo risparmiare molto materiale e tempo e produrre in modo più economico, con un'elevata flessibilità."

Quindi, a Julbach, il CENTATEQ N-600 funziona sempre come una macchina combinata, con la quale si producono sia pezzi di serie che un numero crescente di componenti in lotto 1 e legati al progetto. La macchina è disposta con il magazzino orizzontale STORETEQ S-200 e la sezionatrice per pannelli SAWTEQ B-400 ad angolo retto in modo che il magazzino possa alimentare entrambe le macchine. Il centro di lavoro verticale, a sua volta, è collegato a valle del CENTATEQ N-600 per assumere le lavorazioni orizzontali che non possono essere riprodotte sulla macchina di nesting. "Tuttavia, con la macchina a 5 assi siamo in grado di produrre il 99% dei nostri pezzi", sottolinea Wagner.

Di alta qualità, continuo, snello

Il fatto che Oberhaizinger si affidi a HOMAG per il nuovo concetto di produzione ha molto a che fare con la qualità e la continuità. "Abbiamo bisogno di un partner forte e affidabile, in grado di soddisfare le nostre esigenze e di offrire la necessaria affidabilità", afferma Günther Wiedl. "In particolare, abbiamo bisogno di soluzioni end-to-end, indipendentemente dal settore manifatturiero, per garantire al meglio i nostri investimenti e le future aree di sviluppo. Ad esempio, nel settore del legno massiccio, su cui forse ci concentreremo di più." HOMAG offre la possibilità di ampliare il concetto in qualsiasi momento con macchine coordinate. Ciò vale anche per il settore dei software, dove l'AV di Julbach al momento lavora ancora con più sistemi. Presto, però, ci sarà un nuovo sistema unico. "In questo modo, creiamo complessivamente un processo snello", ha affermato Günther Wiedl, "con cui possiamo liberare risorse che sono attualmente ancora in produzione seriale per soluzioni specifiche dei clienti e ordini particolarmente a breve termine."

Generare qualità ricorrente

Il cerchio si chiude grazie allo snellimento dei processi e all'aumento dell'efficienza che, in ultima analisi, vengono a vantaggio del cliente. "Abbiamo contratti di lunga data con i marchi corrispondenti, i quali hanno sempre sostenuto più di cento progetti. Per riuscire ad ottenere ordini successivi, è fondamentale che l'ordine corrente sia soddisfatto al 99,X%", ha detto Raab. "Qui non deve succedere nulla: nessuna prestazione errata, nessuna perdita di immagine. Dobbiamo produrre qualità ricorrente in tempo". Questa qualità e la puntualità devono essere conseguite soprattutto aumentando la flessibilità. "È fondamentale", afferma Raab. "Perché abbiamo un'incredibile varietà di materiali e prodotti. Superfici in calcestruzzo e plexiglas, ad esempio, ma anche geometrie insolite. Tale varietà nella produzione di singole e piccole serie deve essere riprodotta in modo flessibile e priva di difetti fin dal primo pezzo, è un requisito essenziale per l'efficienza delle nostre prestazioni." Il concetto di HOMAG ne costituisce la base.

Ritorna all'elenco

Avete delle domande?
Siamo qui per voi!

Stiles Machinery Inc.

+1 616 698 75 00 info@stilesmachinery.com www.stilesmachinery.com Modulo di contatto