13.06.2022   |   Bahlingen   |   Germania

Progetto pilota per la crescita futura

Investendo in WALLTEQ M-120, Kreutner & Schmälzlin Holzbau GmbH a Bahlingen ha scelto di passare lentamente all'automazione.

"Solo la linea di produzione ci ha dato il potenziale per accettare anche grandi ordini."

Jakob Schätzle, responsabile della produzione di Kreutner & Schmälzlin Holzbau GmbH

Un articolo della rivista specialistica "Der Zimmermann", numero 6/2022 Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Ma nella carpenteria è solo un primo passo. Fondata nel 1978 a Bahlingen am Kaiserstuhl, oggi Kreutner & Schmälzlin Holzbau GmbH opera in molti settori: è attiva nella costruzione di case unifamiliari, realizza grandi progetti, nuove costruzioni e ristrutturazioni di tetti, aggiunte di piani e classici lavori di carpenteria. Grazie a una filiale aperta nel 1990, l'azienda offre i suoi prodotti anche a Berlino, fino al Brandeburgo e alla costa del Mar Baltico. Produce gli elementi con telaio in legno a Bahlingen. Per i componenti in massello per grandi progetti lavora con fornitori regionali. I principali settori dell'attività di costruzione e ristrutturazione in un certo senso si bilanciano: mentre i lavori di ristrutturazione rappresentano una dimensione decisamente costante con circa il 30% dei progetti all'anno, le abitazioni unifamiliari (12-16) e i condomini (15-20 WE) variano a seconda della situazione degli ordini. Jakob Schätzle, responsabile della produzione, afferma: "Queste variazioni derivano dal fatto che, quando accettiamo più progetti corposi, dobbiamo ridurre le case unifamiliari. Lo scorso anno, ad esempio, abbiamo costruito solo 8 case unifamiliari perché, oltre ai piccoli condomini, dovevamo occuparci anche di un grande progetto con unità abitative 2x6". Questo suggerisce che la carpenteria potrebbe prendere in carico un numero significativamente maggiore di ordini in termini di domanda. È uno dei motivi per cui ha automatizzato la produzione nel 2020, investendo in un ponte multifunzionale da carpenteria di WEINMANN.

"Less is more"

Un altro obiettivo dell'investimento era compensare la carenza di personale specializzato nelle costruzioni in legno. "Grazie a WALLTEQ M-120 siamo riusciti a produrre di più con la nostra forza lavoro", spiega Jakob Schätzle. Secondo i calcoli del responsabile della produzione, l'aumento della capacità produttiva attraverso l'automazione è pari a circa il 30%. Pertanto oggi è possibile coprire una parte maggiore del volume della domanda. Questo a fronte di un livello sempre alto della qualità dei componenti, altro motivo fondamentale alla base dell'automazione dell'azienda. "Con questa linea di produzione siamo riusciti a migliorare ancora una volta il nostro livello di qualità", ricorda Jakob Schätzle. "Inoltre, il processo di certificazione è stato semplificato in quanto operazioni come la pinzatura vengono eseguite e documentate in qualità industriale". Anche l'aumento dell'ergonomia del lavoro rientra nelle considerazioni sull'automazione. "È essenziale coinvolgere i dipendenti in questo processo fin dall'inizio. Dopo tutto, non basta investire in una macchina. Ci vuole anche qualcuno che faccia questo passo insieme a noi e la manovri".

Più spazio per i grandi progetti

Da Kreutner & Schmälzlin due dipendenti lavorano con la macchina. L'automazione ha cambiato radicalmente i loro compiti: "In passato, ad esempio, per i tagli si è spesso deciso al tavolo da lavoro quale piastra passava e quale no", ricorda Jakob Schätzle. "Allora c'erano schemi di elementi precisi e comprensibili, ma le possibilità di presentazione su un piano purtroppo sono limitate. Per questo motivo sono state messe in dubbio decisioni autonome prese al tavolo da lavoro; spesso ci sono state anche richieste di chiarimento relative alle operazioni preliminari di produzione". Oggi la struttura dei componenti è chiaramente definita nella progettazione dei lavori, in gran parte attraverso i dettagli standard. I collaboratori al tavolo da lavoro fungono da ultima istanza di verifica. In questo modo il trasferimento è più fluido e le fonti di errore vengono minimizzate. Inoltre, nella produzione si risparmia molto tempo: "Nel settore della progettazione lavori i tempi sono aumentati, ma un'ora in più in ufficio significa circa tre o quattro ore in meno al tavolo da lavoro e un risparmio di tempo anche in cantiere". Di solito produciamo nell'esercizio su un turno, solo per gli oggetti di grandi dimensioni si aumenta il numero di cicli con un secondo turno. Proprio per questi progetti i vantaggi in termini di tempo di automazione sono sempre più evidenti. Un altro vantaggio è dato dall'aumento del numero di cicli: "La linea di produzione permette di realizzare i progetti più grandi molto più rapidamente", spiega Jakob Schätzle. "Per le unità abitative 2x6 dello scorso anno, ad esempio, abbiamo prodotto 1.950 m2 di pareti in circa due settimane. Manualmente avremmo avuto bisogno di quattro o cinque settimane in più. Il grande progetto avrebbe poi limitato le nostre capacità per troppo tempo, portandoci in questo periodo a dover rimandare o addirittura rifiutare progetti più piccoli. Solo la linea di produzione ci ha dato il potenziale per accettare anche questi grandi ordini".

Si punta a un'ulteriore crescita

E perché una soluzione relativamente piccola? "Per noi WALLTEQ M-120 è quasi un progetto pilota per passare lentamente all'automazione. Grazie all'impianto di sezionatura, eravamo già pronti per le operazioni preliminari di produzione prima dell'automazione, ma con il piccolo ponte multifunzionale da carpenteria, quindi con un piccolo investimento di denaro, volevamo acquisire esperienza con il trasferimento dei dati e sviluppare il processo fino a eliminare tutti i problemi". Poiché WALLTEQ M-120 è adatta alla produzione di elementi di pareti, tetti e soffitti, offre le condizioni ottimali per raggiungere questo obiettivo: consente un livello di prefabbricazione molto elevato per tutti i componenti e anche l'elaborazione di tutti i dettagli necessari. E poi? "Più avanti probabilmente sostituiremo la macchina con una più grande o la manterremo proseguendo in futuro con due linee: una per le pareti, l'altra per gli elementi di tetti e soffitti. In questo modo siamo flessibili per i futuri sviluppi e abbiamo già spostato i binari necessari nel capannone". 

Text: Dr. Joachim Mohr
 

Ritorna all'elenco

Kreutner & Schmälzlin Holzbau GmbH

Fondata nel 1978 a Bahlingen am Kaiserstuhl, Kreutner & Schmälzlin Holzbau GmbH è attiva nella costruzione di case unifamiliari e realizza grandi progetti, nuove costruzioni e ristrutturazioni di tetti, aggiunte di piani e classici lavori di carpenteria. Grazie a una filiale aperta nel 1990, l'azienda offre i suoi prodotti anche a Berlino e nel Brandeburgo, fino alla costa del Mar Baltico.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui.

Avete delle domande?
Siamo qui per voi!

Stiles Machinery Inc. Sales

616-698-7500 +1-616-698-7500 info@stilesmachinery.com www.stilesmachinery.com

Stiles Machinery Inc. Service

616-698-6615 techsupp@stilesmachinery.com Modulo di contatto