09.11.2020   |   Berlin   |   Germania

Nuovo ritmo per la produzione

L'azienda per soluzioni d'arredo Rolf Rissel di Berlin ha recentemente aggiornato l'inizio della sua catena di produzione con una combinazione sezionatrice-magazzino di HOMAG.

"Oggi il dipendente sa cosa desidera tagliare nel pomeriggio e immette i relativi piani. Quindi il magazzino inizia a riaccatastare. Si inizia non appena arriva il dipendente".

Karl Löffl, socio amministratore di Rolf Rissel Objekteinrichtungen GmbH

Le combinazioni sezionatrice-magazzino offrono agli utenti una serie di vantaggi: produttività, qualità, ergonomia, trasparenza e tasso di utilizzo del materiale solo per citarne alcuni. Sin dalla messa in funzione di un impianto Homag, Rolf Rissel di Objekteinrichtungen GmbH a Berlino si è concentrata soprattutto su un aspetto: il nuovo ciclo di produzione.

Il panorama farmaceutico sta cambiando. E questo già da anni. Nel 2010 c'erano ancora oltre 21.000 farmacie in Germania, mentre oggi ce ne sono solo 18.000. Gli esperti si aspettano che tale cifra scenda a 15.000 nei prossimi anni. Esistono diversi motivi che giustificano questo fenomeno. Uno potrebbe essere l'introduzione della ricetta elettronica e del commercio online. In ogni caso, i gestori delle farmacie tradizionali devono riesaminare i loro modelli di impresa. Non in linea di principio, ma in termini di caratteristiche che possono fare la differenza.

Le emozioni sono il punto centrale

L'azienda per soluzioni d'arredo Rolf Rissel di Berlino non solo accompagna le farmacie lungo questo percorso, ma crea anche la strada da percorrere. L'impresa di Spandau progetta concetti completi e li implementa dall'inizio alla fine. Una serie di architetti d'interni, designer, ingegneri del legno e falegnami è responsabile affinché, su richiesta, i clienti possano essere seguiti fino allo sviluppo del logo e alla pubblicità all'esterno: un servizio a tutto tondo che tiene conto delle esigenze individuali, dove Rissel è sia il fornitore di idee sia l'azienda che le realizza. "Sono le emozioni, espresse individualmente con legno, vetro e metallo, il punto nevralgico", sottolinea l'amministratore delegato e titolare Karl Löffl.

Rolf Rissel Objekteinrichtungen è stata fondata nel 2003 da una società precedente e, nel 2007, l'azienda si è trasferita dalla periferia di Berlino a Spandau. È stato un passo fondamentale per l'azienda per soluzioni d'arredo in quanto si è resa raggiungibile tramite autostrada, treni ad alta velocità, autobus, metropolitana e tram. Da allora, i clienti di Amburgo, Francoforte o Monaco riescono ad arrivarci facilmente. "Inoltre, Berlino è affascinante", aggiunge Löffl. "Ma soprattutto, i clienti possono toccare i nostri prodotti e vedere di persona la nostra produzione".

Risultati eccellenti

Rissel si concentra principalmente sul settore sanitario. Già l'azienda precedente era specializzata in farmacie, ma le strutture di distribuzione erano molto piccole per motivi di capacità. "Abbiamo cambiato la situazione e rafforzato la distribuzione". Questo ha ormai portato i suoi frutti: in passato, oltre alle farmacie, l'azienda ha sviluppato uno o due studi medici all'anno, mentre oggi il numero è salito a dieci-dodici. "Ci stiamo consolidando sempre di più anche nell'ambito ospedaliero arredando camere per i pazienti o laboratori. Abbiamo persino lavorato per l'ospedale Charité". Inoltre, un ruolo sempre più importante viene svolto dal settore privato, per cui oggi la ditta Rissel conta quattro pilastri: farmacie, studi medici, ospedali e clienti privati. Löffl aggiunge che il quinto pilastro è "tutto ciò che riguarda richieste particolari, dove il mobile non si trova in commercio nella forma richiesta". Se, in passato, questi servizi erano offerti solo nel nord della Germania, ora li vediamo ormai diffusi in tutto il Paese. "Se otteniamo risultati eccellenti, avremo una buona posizione per il futuro", sostiene il titolare guardando avanti.

Massima efficienza

Di recente, Rissel ha raggiunto una buona posizione anche all'inizio della catena di produzione con una combinazione sezionatrice-magazzino di Homag. Tutto ciò è iniziato con una visita alla fiera dell'artigianato in legno di Norimberga, dove nel 2018 è stato esaminato in dettaglio l'impianto. "Allora abbiamo ricevuto consigli per raggiungere la perfezione. Di meglio non c'è", ricorda Löffl. "Naturalmente, abbiamo parlato anche con altri fornitori e ottenuto delle offerte. Non ci siamo fissati sul prezzo più conveniente, ma sulle prestazioni e sulla fiducia. Dopo aver visitato un'altra azienda che già utilizzava questo impianto, ci è stato subito chiaro: dobbiamo unirci e farlo insieme". Tra l'altro avevamo già collaborato con Homag in passato: l'azienda di Spandau lavora dal 2016 con una bordatrice con ritorno dei pezzi di Schopfloch.

Ora la nuova combinazione sezionatrice-magazzino è all'ordine del giorno. "Abbiamo avuto una sezionatrice orizzontale già in passato", riferisce Löffl. "Negli anni, tuttavia, è diventata imprecisa. Inoltre, la tecnologia di stoccaggio non era più in linea con i tempi. Alcuni giorni abbiamo dovuto spostare con i carrelli elevatori più di quanto riuscissimo a tagliare. Ci serviva una maggiore efficienza in termini di magazzino e di sezionatrice". "Efficienza" in quel caso significava concretamente un magazzino pannelli automatico per l'impilamento di 600-1.000 pannelli, un migliore accesso alla consegna dei camion, l'immagazzinamento con ritorno automatico a partire da una determinata dimensione di pannelli, "e molto importante per noi è stato un magazzino residui con gestione e ordine rigorosi".

Per la produzione singola e in serie più piccole

Rissel ha risolto il problema dell'efficienza nel taglio dei pannelli con una SAWTEQ B-300. "Come modello di base della serie 3, la sezionatrice con dispositivo di pressione è progettata per la produzione in lotto 1 e per produzioni in serie più piccole. Allo stesso tempo, è stata progettata per il taglio di pannelli singoli e cataste di pannelli in tutti i materiali comuni e vanta una sporgenza della lama di 80 mm", riporta Thomas Nesemeier, responsabile vendite Nord di Homag Group. Le velocità di 130 m/min sul carrello lame e 90 m/min sullo spintore a programma consentono un'elevata produttività nei processi di sezionamento. La base è un motore della lama principale che fornisce una potenza di 11 kW. Grazie alla SAWTEQ B-300, la Rissel è in grado di tagliare lunghezze fino a 3.200 mm.

"Il carico della sezionatrice è effettuato da un magazzino orizzontale STORETEQ S-200", spiega Nesemeier. "Qui la traversa a depressione ST 61 gestisce pannelli rivestiti a partire da uno spessore di 8 mm e pannelli grezzi a partire da 12 mm. Grazie alla velocità dei ponti di 60 m/min, del carrello di 80 m/min e dell'azionamento di sollevamento di 30 m/min, il magazzino è progettato per lunghezze dei pezzi comprese tra 2.000 e 4.200 mm e per larghezze dei pezzi comprese tra 800 e 2.200 mm e può quindi essere adattato ai materiali e alle condizioni di spazio più diversi". La traversa consente invece di trasportare pannelli di un peso massimo di 250 kg. La regolazione automatica in funzione delle dimensioni dei pannelli e un separatore automatico garantiscono una gestione sicura.

Nuove operazioni preliminari di produzione

Circa tre mesi fa, sono state effettuate la messa in esercizio dell'impianto e la formazione sul software di comando CADmatic 5, sul software di ottimizzazione di taglio Cut Rite e sul software di magazzino woodStore. Poco dopo, con l'aiuto di un consulente esterno, è stato introdotto anche iX di imos. Da allora, per il sistema CAD/CAM esistono due responsabili principali, mentre, nei prossimi mesi, verranno formati altri dipendenti. Homag ha configurato le interfacce necessarie e ha organizzato il trasferimento dei dati. Nel frattempo, è possibile tagliare ed etichettare con le specifiche di imos. Le informazioni che accompagnano i pezzi sono quelle classiche: cliente, commessa, denominazione pezzi, materiale e dimensioni, bordatura. Homag ha inoltre implementato il rilevamento del codice a barre in un centro di lavorazione a valle. In questo modo, è possibile effettuare la scansione dei componenti ed eseguire i programmi richiamati.

Ordine e trasparenza

Per quanto riguarda gli effetti del magazzino pannelli, oggi Löffl sottolinea soprattutto un punto: "ordine, ordine e ancora ordine". Sono stati immagazzinati quasi 1.000 pannelli senza subire danni. L'immagazzinamento e la gestione avvengono in cataste miste. Nel tempo libero il magazzino preseleziona i pannelli. "In passato abbiamo sempre dovuto impiegare un dipendente per effettuare la preselezione con un carrello elevatore. In questo modo riuscivamo a tagliare solo pochi pannelli per turno. Per il resto del tempo la macchina rimaneva ferma", riferisce Löffl. "Oggi il dipendente sa cosa desidera tagliare nel pomeriggio e immette i relativi piani. Quindi il magazzino inizia a riaccatastare. Si inizia non appena arriva il dipendente".

Nel frattempo, anche la struttura della logistica è stata rimodernata, poiché si sono liberati gli scaffali di magazzino e sono disponibili fino a 20 m di superficie su tre piani. Le cataste di pannelli vengono ora semplicemente inserite nell'area di immagazzinamento del magazzino dove avviene successivamente l'immagazzinamento automatico. Anche la gestione dei residui dei pannelli è ora trasparente: "Abbiamo un grande magazzino residui, ordinato e chiaro, che dispone persino di una via di fuga integrata. Non sprechiamo più tempo con la ricerca".

Eliminazione dei vecchi schemi

Per quanto riguarda il taglio, la produttività è quasi raddoppiata con la SAWTEQ B-300. "La domanda che ci ponevamo era: Come possiamo ottenere questo risultato in produzione?" Con una nuova organizzazione del lavoro, sottolinea il titolare. Nel frattempo, i disegnatori inviano gli elenchi dei pezzi, in precedenza scritti a mano, direttamente alla macchina. Perciò, il responsabile dell'officina ha ora il tempo per coordinare la produzione, eseguire il controllo qualità o risolvere i problemi che si presentano. "Tuttavia, è decisivo che le operazioni preliminari di produzione complete provengano ora da iX e che il magazzino controlli gli ordini. Oggi è il magazzino che determina il ciclo", sottolinea Löffl. "In passato, questi cicli erano irregolari. Oggi è previsto un numero di cicli prestabilito". Per poterlo trasmettere facilmente alla produzione a valle, Rissel ha assicurato una maggiore efficienza anche nei centri di lavorazione. All'inizio di ottobre, l'azienda per soluzioni d'arredo ha sostituito un centro di lavorazione precedente, in modo che oggi due macchine con la stessa forza mantengano il ritmo in direzione del banco. "Grazie al ciclo della combinazione sezionatrice-magazzino e al nuovo ciclo di produzione non cadremo più nella trappola di lavorare secondo i vecchi schemi", garantisce Löffl. Si può dire che l'azienda ha ottenuto un'ottima posizione per affrontare il settore sanitario con un nuovo ritmo.

Ritorna all'elenco

Avete delle domande?
Siamo qui per voi!

Stiles Machinery Inc.

+1 616 698 75 00 info@stilesmachinery.com Modulo di contatto