|   St. Johann-Lonsingen   |  Germania

Ritratto di un dipendenti: Hartmut Vöhringer

Già da 25 anni Hartmut Vöhringer è responsabile del comando delle macchine e degli impianti. Ci racconta delle sue esperienze in questo periodo di tempo.

25 anni sono davvero tanti: cos'è che è cambiato, da allora?

Quando ho iniziato presso WEINMANN 25 anni fa, essa era ancora una piccola azienda a conduzione familiare. Eravamo in tre responsabili nell'ambito della tecnologia di controllo e dell'intero pacchetto: dal disegno dello schema elettrico e dalla progettazione, alla costruzione dell'armadio elettrico fino all'installazione della macchina e alla messa in esercizio in loco presso il cliente. Abbiamo accompagnato l'intero "percorso" della macchina, dalla progettazione fino all'utilizzo in loco. Con lo sviluppo della ditta WEINMANN, è cambiato naturalmente anche il settore della tecnologia di controllo. Da un lato siamo cresciuti nel team, e dall'altro ci siamo specializzati sempre di più nelle singole attività.

Per un lungo periodo sono stato responsabile dell'intero settore della tecnologia di controllo, e mi è piaciuto davvero tanto. Ma per me è stato sempre importante continuare a lavorare attivamente sui progetti. Con la crescita dell'azienda, tuttavia, per un responsabile di reparto è aumentata anche la quantità di attività amministrative. Un anno fa abbiamo ristrutturato il nostro reparto in ambito di nuovi prodotti e progettazione. Adesso sono responsabile delle isole e degli impianti, e posso di nuovo lavorare direttamente sui progetti. In tutto questo periodo ho imparato molto sul modo in cui le macchine sono utilizzate presso i clienti, e sui requisiti che devono soddisfare. Questo mi ha permesso di fare molta esperienza, che oggi posso applicare ai nuovi progetti. Queste conoscenze rappresentano per me un tesoro inestimabile.

Quali sono stati gli eventi che l'hanno influenzata di più?

Durante il mio periodo presso WEINMANN, ovviamente, ho fatto le più diverse esperienze. Due grossi progetti sviluppati e installati contemporaneamente hanno rappresentato una fase decisiva. Entrambi i progetti, particolarmente voluminosi, rappresentarono una grande sfida. Ciò che facemmo in quel determinato momento fu davvero incredibile. Naturalmente, vi furono anche tensioni per consegnare entrambi i progetti in modo tempestivo e nel modo migliore possibile. Entrambi i progetti sono stati installati con successo alla data stabilita, e gli impianti sono ancora in uso, in parte, ancora oggi. Se mi guardo indietro, quello fu un periodo davvero impegnativo.

Un altro esempio è rappresentato dai collaudi delle macchine che oggi facciamo presso di noi. Infatti, all'inizio consegnavamo i nostri impianti senza effettuare alcun ciclo di prova. Naturalmente ciò causava spesso tempi di utilizzo più lunghi in cantiere, poiché la messa in esercizio avveniva solo in loco presso il cliente. Per me era necessario riuscire ad ottimizzare questo processo. Per questo motivo mi sono impegnato per arrivare a consegnare le macchine solo dopo la messa in esercizio e i cicli di prova. Ciò che oggi è procedura standard e viene dato per scontato, a quel tempo era un processo del tutto nuovo.

Come vede gli sviluppi e i cambiamenti?

Il mondo della tecnologia di controllo si muove in modo estremamente rapido. Anche i nostri controlli hanno attraversato molti livelli di sviluppo. Per me, uno dei passi più significativi è stata la possibilità di accedere alla macchina e risolvere i problemi in teleassistenza. All'inizio avevo i miei dubbi, ma senza l'accesso remoto oggi non sarebbe più possibile utilizzare le macchine in modo efficiente. Oggi vi sono enormi opportunità. Oltre all'attività della macchina in senso stretto, la tecnologia di controllo offre molte funzioni aggiuntive. All'inizio, le attività legate alla tecnologia di controllo risiedevano per il 70-80% nella funzione della macchina, oggi forse siamo al 30-40%. La maggior parte è fatta da tanti dettagli diversi, come documentazione, statistiche e valutazioni. Questo è un cambiamento davvero significativo.

Cos'è importante per lei, nel suo lavoro?

Nel mio lavoro, per me è importante lavorare in modo molto mirato alle esigenze del cliente. Dobbiamo sempre concentrarci su ciò di cui il cliente ha bisogno, e darvi priorità. È importante interessarsi sempre delle esigenze specifiche del singolo cliente. Per fare ciò dobbiamo essere aperti a soluzioni innovative e personalizzate per il cliente, perché è ciò di cui il cliente ha bisogno. Un'altra cosa che mi sta molto a cuore, da sempre, è il buon rapporto all'interno del team e con i colleghi. È importante che tutti i colleghi siano ben integrati, e che ognuno partecipi attivamente al progetto e lo porti avanti nel migliore dei modi.

Quale ruolo svolge la costruzione in legno per lei?

In generale trovo il legno un materiale molto "piacevole", ed è evidente anche nella sua lavorazione. Il legno è un materiale davvero straordinario. E sono sempre entusiasta dei progetti che i nostri clienti portano avanti, di ciò che realizzano nei loro progetti di costruzione e nelle case. È una cosa meravigliosa.

WEINMANN è parte di HOMAG ormai da 22 anni. Quali sono le sue esperienze con HOMAG?

Ai tempi in cui ho iniziato presso WEINMANN, avevo sì immaginato una crescita e un'evoluzione dell'azienda. Ma non mi sarei mai aspettato una crescita così enorme. Un passo molto significativo nella storia è stato anche l'ingresso in HOMAG Group. Nel settore della tecnologia di controllo abbiamo tratto grossi vantaggi, poiché abbiamo impiegato la tecnologia di controllo di HOMAG anche presso di noi. Con il nostro piccolo team non avremmo mai potuto realizzare così velocemente una tale infrastruttura per la tecnologia di controllo. Perciò, fin dall'inizio siamo stati in stretto contatto con i colleghi di HOMAG. Abbiamo potuto applicare molto al nostro settore, ma anche apportare molte idee. All'interno dei team di sviluppo e di controllo ci siamo scambiati regolarmente informazioni sui nuovi sviluppi e sulle nuove funzioni. Ovviamente, nel corso degli anni tante cose sono cambiate: ad esempio, oggi sono nel team della meccatronica. A tutt'oggi abbiamo buoni contatti con i colleghi di Schopfloch, e ci confrontiamo sempre in modo diretto. E funziona alla perfezione.

Ritorna all'elenco

Avete delle domande?
Siamo qui per voi!

Stiles Machinery, Inc.

+1 616 698 75 00 info@stilesmachinery.com Modulo di contatto